Book Box: piccole biblioteche curate dai ragazzi dell’Anffas

Piccole biblioteche curate dai ragazzi dell’Anffas

Risultati lusinghieri per l’Anffas onlus di Lanciano che ha partecipato al progetto Book Box.

LANCIANO. Risultati lusinghieri per l’Anffas onlus di Lanciano che ha partecipato al progetto Book Box, finanziato dalla Regione nell’ambito dei contributi previsti dal “Piano regionale di interventi in favore della famiglia, anno 2015”. All’iniziativa hanno partecipato sette pediatri, otto dentisti e quattordici scuole. Il progetto Book Box è nato con l’intento di promuovere un percorso sperimentale di avviamento al lavoro dei giovani adulti affetti da problematiche intellettive, ma soprattutto da disturbi dello spettro autistico. Il metodo utilizzato per l’attuazione del progetto ricrea le condizioni di una qualunque attività lavorativa. I lavoratori coinvolti sono chiamati a prendersi cura di un magazzino di libri da utilizzare per allestire piccole biblioteche collocate nelle sale di attese di luoghi frequentati da bambini e giovani (per lo più studi di pediatri e dentisti). L’obiettivo è costruire una rete di interlocutori che, al termine dell’anno di sperimentazione, permetta di proseguire stabilmente con l’attività.

I professionisti che hanno aderito al progetto, contribuendo al successo dell’iniziativa, e le scuole che ci hanno aiutato nella raccolta libri sono le seguenti:

Dentisti: Dott. Scogna Giuseppe, il Dott. Costantini Nicola, il Dott. Marciani Filippo, il Dott. Alfieri Domenico, la Dott.ssa Colacioppo Rosaria, il Dott. Sarno Gaetano, il Dott. D’Autilio Italo, il Dott. Fiorentino Nicola e lo studio associato “Dentalis”.

Pediatri: Dott. Marchione Luigi, la Dott.ssa Mancini Venturina, la Dott.ssa Primavera Maria Bambina, il Dott. La Manna Salvatore, la Dott.ssa Antonelli Lucetta, il Dott. Piedigrossi Nicola, la Dott. ssa Lombari Maria Rosaria.

Scuole: l’Istituto Comprensivo “Umberto I”, l’Istituto Comprensivo “Lanciano n. 1”, l’Istituto Comprensivo “Don Milani”, nonché le Scuole d’infanzia ed elementare dell’Istituto “Gesù Bambino”; a Fossacesia, Mozzagrogna e Santa Maria Imbaro, l’Istituto Comprensivo “Pollidori”.

Fonte

I commenti sono chiusi