Giovani e volontari rievocano il folclore: l’Anffas con “Lu Sand’Antonie” nelle case di riposo

Rappresentazione Sant'Antonie

LANCIANO. I ragazzi e i volontari dell’Anffas Onlus di Lanciano, con il Noviziato del gruppo scout Agesci “Lanciano 2-Bruno Di Nenno” del quartiere Santa Rita, hanno portato la rappresentazione folcloristica “Lu Sand’Andonie” nelle case di riposo del Frentano.

Nei giorni scorsi i due gruppi sono stati all’Istituto dei Sacri Cuori di Gesù e Maria di San Vito Chietino, al centro “Fraternitas” di Castel Frentano e, infine, nella casa di riposo “Santiago” di Lanciano. «L’iniziativa è stata realizzata per portare avanti le tradizioni popolari locali», spiega Carlo Martelli, presidente Anffas, «proponendo la rievocazione delle tentazioni del Santo proprio agli anziani, fortemente legati ad esse. Occasione in cui giovani e adulti del territorio, e persone con disabilità, si sono messi in gioco per il bene comune». (s.so.)

Rassegna stampa del 17 febbraio 2019 sul quotidiano “Il Centro”

I commenti sono chiusi